Lo stendardo di Ur - Focus

STORIA ATTIVA » FOCUS

I POPOLI DELLA MESOPOTAMIA

Lo stendardo di Ur

Lo stendardo di Ur è una scatola in legno decorata su due facce con un mosaico di conchiglie, calcare rosso e lapislazzuli. Ha circa 4000 anni ed è stato ritrovato in un angolo delle tombe reali della città di Ur dall'archeologo inglese Leonard Woolley. Fu lo stesso Wooley a pensare che la scatola potesse essere portata in processione proprio come uno "stendardo", ma è un'ipotesi che si è rivelata sbagliata. Ancora oggi non si è capito a cosa servisse di preciso.

La scatola presenta due mosaici divisi ognuno in tre strisce: su un lato è rappresentata una scena di guerra e sull'altro una di pace; su tutte e due le facce è raffigurato il re.

LATO DELLA GUERRA

Nella striscia in alto si vede il re che insieme ai sacerdoti guida il suo esercito contro i nemici; nella seconda, invece, sono raffigurati i soldati che li catturano e li rendono schiavi; nell'ultima, si vedono altri soldati sopra a carri trainati da asini che travolgono i nemici.


LATO DELLA PACE

Nella striscia in alto è raffigurato un grande banchetto per festeggiare la vittoria del popolo di Ur: il re, con una coppa in mano, beve in compagnia dei suoi invitati, funzionari e sacerdoti, un cantante e un arpista. Nella seconda e nella terza striscia si vedono pastori, allevatori e contadini.