Come sono fatte le piante

SCIENZE » Il mondo dei viventi

IL REGNO DELLE PIANTE - Le radici e il fusto

Come sono fatte le piante

Le piante, in genere, sono costituite da due parti: le radici, che si propagano sottoterra, e il fusto, che si sviluppa verso l'alto.

LE RADICI

Le radici sono la parte sotterranea della pianta, anche se a volte si propagano nell'aria o nell'acqua. Hanno due funzioni fondamentali:

  • assorbire dal terreno acqua e sali minerali, ossia gli elementi necessari per il nutrimento;

  • tenere la pianta ben salda al terreno.

La zona di passaggio fra la radice e il fusto si chiama colletto 1  ).

COM'È FATTA UNA RADICE

In ogni radice si possono distinguere:


 2  i peli radicali: servono per facilitare l'assorbimento delle sostanze nutritive dal terreno;


 3  l'apice radicale: è la punta della radice. È la parte che si propaga nel sottosuolo ed è protetta dalla cuffia, un piccolo cappuccio piuttosto resistente.

I DIVERSI TIPI DI RADICE

A seconda della pianta, le radici possono essere:

AEREE

Si trovano fuori dal terreno e assorbono l'acqua presente nell'aria. Sono tipiche delle piante tropicali o che vivono in ambienti particolarmente umidi, come le orchidee.

AVVENTIZIE

Crescono lungo il fusto della pianta e si aggrappano a rocce e alberi e per catturare l'umidità nell'aria. Un esempio è l'edera.

FASCICOLATE

Non sono formate da una radice principale, ma da tante radici simili tra loro che partono da uno stesso punto. Sono tipiche del grano e dell'orzo.

A FITTONE

Si tratta di una radice centrale a forma di grosso corpo cilindrico legnoso, detto fittone, da cui partono radici secondarie. Una pianta molto conosciuta con radice a fittone è la carota.

IL FUSTO

Il fusto è la parte aerea della pianta. Ha la funzione di sostenere la pianta e di collegare le radici alle foglie. Inoltre, dato che le piante hanno bisogno della luce per vivere, il fusto serve a portare le foglie in alto per catturare più facilmente i raggi del Sole.

 

COME È FATTO IL FUSTO

Il fusto è composto da piccoli canali, detti vasi, che servono per trasportare la linfa grezza, cioè acqua e sali minerali, e la linfa elaborata, cioè il nutrimento, a tutte le parti della pianta.


I DIVERSI TIPI DI FUSTO

Esistono tre tipi di fusti: legnosi, erbacei e arbustivi. Sono diversi per forma, consistenza e dimensioni. Il tipo di fusto ci fornisce informazioni precise su com'è fatta la pianta.

1 I fusti arbustivi: sono legnosi, sottili e si ramificano poco lontano dal terreno, cioè quel tanto che basta per avere la luce sufficiente per vivere. I cespugli sono un tipico esempio di fusto arbustivo.

2 Il fusto legnoso: più noto con il nome di tronco; è rigido, legnoso e ricoperto di corteccia. Ramifica a una certa distanza dal suolo. È tipico degli alberi, che soprattutto nei boschi hanno bisogno di cercare molto in alto la luce del Sole necessaria per vivere.

3 I fusti erbacei: sono detti anche steli; sono tipici dei fiori e dell'erba. Gli steli sono teneri, verdi e non molto alti: infatti, dato che queste piante si sviluppano in spazi aperti come i prati, non hanno bisogno di crescere per trovare la luce.

STUDIO con METODO

▼ Verifico le informazioni.

Indica con una X se ogni affermazione è vera o falsa.

  • A volte le radici sono fuori dal terreno.

    Vero Falso

  • Esiste un solo tipo di radice.

    Vero Falso

  • Il fusto è la parte aerea della pianta.

    Vero Falso

  • Le piante si possono dividere in base al tipo di fusto.

    Vero Falso