L'uomo e le misure - Focus

FOCUS M AT E M AT I C A a t t i v a L'uomo e le misure Misurare è sempre stata una necessità per l uomo. Le prime misure erano molto semplici ed approssimate. L uomo primitivo, infatti, misurava con i passi la distanza dalla caverna al corso d acqua vicino, col palmo di una mano la lunghezza di un animale abbattuto, col pollice lo spessore di un oggetto e soppesava le cose con le mani per valutare il loro peso. Mentre progrediva, l uomo, però, aveva bisogno di misure sempre più esatte per costruire, per coltivare e per commerciare con facilità. I primi GEOMETRI: i BABILONESI Gli Assiri e i Babilonesi sono i primi popoli di cui si sono trovate le tracce di studi geometrici nati per la costruzione di magni ci palazzi e per lo studio astronomico. Sembra, anche, che i Babilonesi abbiano realizzato un antenato della calcolatrice tascabile perché sono state ritrovate quattrocento tavolette d argilla con calcoli complessi già risolti che dovevano svolgere il ruolo di calcolatrici, consultabili all occorrenza. Molto probabilmente erano usate in campo agricolo, dove la geometria era fondamentale per determinare le dimensioni dei terreni o per la costruzione di un edi cio. Geometri EGIZI Gli Egizi sono stati abilissimi geometri. Nell antico Egitto, infatti, le periodiche inondazioni del Nilo cancellavano ogni volta i con ni tra gli appezzamenti coltivati e quando le acque si ritiravano bisognava tracciare i campi con le stesse dimensioni di prima perché fossero restituiti ai rispettivi proprietari e per l imposizione delle tasse che dovevano essere pagate in base alla estensione delle proprietà. Per risolvere questo problema i geometri egizi stu- 244 I Babilonesi realizzavano tavolette in argilla con calcoli complessi già risolti che usavano come calcolatrici .