Le piante si nutrono

Scienze

I viventi   Tanti tipi di vegetali

Le piante si nutrono

Sai già che le piante usano le risorse dell’ambiente per costruirsi il nutrimento di cui hanno bisogno e infatti sono organismi autotrofi.

Attraverso la fotosintesi clorofilliana le piante producono il loro nutrimento usando l’energia della luce e l’anidride carbonica dell’aria per trasformare la linfa grezza che prendono dal terreno in linfa elaborata e ossigeno.

Le piante respirano

Le piante come tutti i viventi respirano. Di notte, respirando, consumano ossigeno e liberano anidride carbonica e vapore acqueo. Di giorno, insieme alla respirazione, fanno la fotosintesi, producendo ossigeno e consumando anidride carbonica.

Come hai già visto lo scambio di gas avviene attraverso gli stomi. Sempre attraverso gli stomi fuoriesce anche il vapore acqueo: questo fenomeno si chiama traspirazione e permette alla pianta di eliminare l’acqua in eccesso che le radici hanno assorbito.

  • La pianta, attraverso le radici 1, assorbe dal terreno la linfa grezza, cioè una soluzione di acqua e sali minerali. La linfa grezza attraversa il fusto, i rami e arriva alle foglie.
  • L’anidride carbonica 2 presente nell’aria entra nelle foglie attraverso gli stomi.
  • La clorofilla 3, che si trova nelle foglie, cattura la luce del Sole e la usa per trasformare la linfa grezza e l’anidride carbonica in ossigeno e in linfa elaborata 4. La linfa elaborata, che è costituita da zuccheri sciolti in acqua (una specie di sciroppo), viene distribuita a tutta la pianta per nutrirla.
  • L’ossigeno prodotto dalla fotosintesi esce dagli stomi 5 delle foglie e si libera nell’aria. L’ossigeno prodotto dalle piante è quello che si trova nell’aria che tutti i viventi usano per respirare.
Parole per capire

stomi: piccole aperture sulle foglie.

Scopro le scienze
Esperienza

La traspirazione

Che cosa ti occorre:

  •  una piantina
  •  un sacchetto di nylon trasparente
  • 1 Copri la piantina con il sacchetto di nylon trasparente.
  • 2 Esponila al Sole per un po’, poi spostala in un luogo più fresco. Che cosa succede all’interno del sacchetto?

 Quaderno p. 156