Il racconto autobiografico

ELEMENTI del RACCONTO AUTOBIOGRAFICO ON il TE ST VO ATI R AR PROTAGONISTA/ AUTRICE PERSONAGGI TEMPO PASSATO LUOGHI FAMILIARI EVENTI RILEVANTI EMOZIONI Biscotti a regola d'arte Nicoletta Costa, celebre illustratrice e autrice per ragazzi, racconta di quando da piccola partecipò a un concorso di disegno... Quando io ero in quinta elementare mi sono ammalata di scarlattina. Allora con quella malattia bisognava stare chiusi in camera per più di un mese. stato un periodo stupendo! Passavo lunghe mattine a letto, leggendo, ascoltando la radio e succhiando caramelle. Di veramente straordinario c era che mi portavano i miei cibi preferiti su di un vassoio e che il mio amato gatto Birba entrava dalla nestra e aveva il permesso di dormire sul mio letto. Mi compravano anche molti giornalini e in uno di questi trovai il regolamento di un concorso di disegno per bambini organizzato da una ditta di biscotti. Bisognava inviare per posta un disegno della propria mamma: i migliori vincitori sasarebbero stati pubblicati sulle pagine del giornalino e ai vin Naturalmente ho rebbero state recapitare enormi scatole di biscotti. Naturalm allettata sia dai biscotti, sia dall idea di subito spedito p un disegno, g dal da qualche parte. vedere un mio disegno g stampato p q p giornalino, per vePer qualche q settimana ho controllato con ansia il giornalino g tra quelli non c era, dere se ci fosse il mio disegno g q scelti e, visto che n tornai a scuola e il rimasi un po p delusa. Poi però la scarlattina passò, p sc concorso rimase tra i ricordi. Quando arrivò la lettera, doveva essere già estate. La lettera letter diceva che forse avevo vinto il primo premio al concorso dei biscotti, biscotti ma che avrebbero dovuto controllare che avessi fatto proprio io il disegno. bionda e gentile, dove, Così andai a casa di una signora, g una pittrice p g genti dopo una merenda deliziosa, cominciai a disegnare, di mentre lei, silenziosa, mi guardava. A Aveva dei bellissimi pennarelli con la punta grossa e cogro lori molto brillanti che mandavano u un profumo inebriante; con quei q pennarelli p un po magici davvero velocemente! g disegnavo g Al termine del pomeriggio la pittrice bionda p disse che i miei disegni g sembravano fatti da un adulto che vuole disegnare g come un bambino il bino e fu così che decisero di assegnarmi asseg g primo premio. p p Adatt. da N. Costaa in AA AA.VV, Quando avevo la tua età, e Bompiani 86